1

novara ospedale fronte
NOVARA – 23-09-2020 -- L’emergenza-Covid e le conseguenti misure di sicurezza e prevenzione del contagio hanno reso non più sufficienti gli spazi adibiti ad attività ambulatoriale all’interno delle strutture ospedaliere dell’azienda ospedaliera universitaria di Novara.

Pertanto, dopo un’indagine di mercato, l’Aou ha siglato un contratto d’affitto con la proprietà (Montipò Trading srl) per una serie di spazi in via San Francesco d’Assisi 18/20, un tempo già adibiti ad attività sanitaria ambulatoriale. “In questi locali – spiega una nota del Maggiore - verrà trasferita l’attività in regime di libera professione, in modo da liberare gli attuali locali dove verranno spostati temporaneamente tutti gli ambulatori di cardiologia, la cui precedente sede necessita di interventi di adeguamento alle nuove misure di sicurezza e di prevenzione del contagio”.

Inoltre la riduzione dell’attività chirurgica di bassa e media complessità determinata dall’emergenza-Covid ha comportato un allungamento delle liste d’attesa. Per consentire un recupero della predetta attività chirurgica e in considerazione del fatto che le equipe operatorie, nonostante l’ottimizzazione delle sedute e il ricorso a prestazioni aggiuntive, sono impegnate prioritariamente per l’assistenza ai pazienti più gravi, nell’ottica di fornire un servizio più efficiente ai cittadini, l’Aou ha raggiunto un accordo con il Policlinico di Monza affinché la Clinica San Gaudenzio consenta l’utilizzo di spazi chirurgici destinati all’ortopedia e alla piccola e media chirurgia generale (ambulatoriale complessa, day surgery e one day surgery).

“L’attività chirurgica – continua la nota – sarà svolta (per i pazienti che lo vorranno) dal personale medico specialista dell’Aou di Novara, durante il normale orario di servizio nonché dal personale medico specialista in anestesia e rianimazione e infermieristico della Clinica San Gaudenzio. L’accordo scadrà a fine anno”.