1

treno foto

ARONA - 04-06-2020 -- Il Codacons appoggia

l'iniziativa del sindaco di Arona, Alberto Gusmeroli, che ieri ha chiesto il ripristino delle corse cancellate sulla Arona-Novara e dei battelli cancellati a causa dell'emergenza coronavirus.
"Il Codacons appoggia in pieno tale iniziativa: sono appena stati riaperti i confini tra le Regioni, molte persone hanno ripreso a viaggiare, sia per lavoro che per altre necessità - si legge in una nota diffusa -  A tale situazione si aggiunge che la città di Arona è famosa per il turismo, pertanto è necessario incrementare i collegamenti in un periodo così delicato per l’economia.  Prima dell’emergenza i problemi dei collegamenti pubblici e di Trenitalia in particolare erano già molti, soprattutto di sovraffollamento dei treni: con la razionalizzazione dei posti a sedere, le relative distanze da tenere, l’incremento dei cittadini che si muoveranno in giugno Trenitalia e Regione Piemonte devono pensare ad un’aggiunta di corse per mantenere le distanze richieste, su questa tratta così come su quella della linea Milano-Domodossola.  Ulteriore preoccupazione è che tante lavoratrici e lavoratori che dovranno utilizzare il servizio offerto da Trenitalia non si troveranno nelle condizioni di poter viaggiare in sicurezza, con rischi anche sanitari per la propria famiglia"

"Il distanziamento è il tema principale della ripartenza, lo ribadisco ancora una volta: deve essere affrontato nel modo più scrupoloso possibile. È evidente che se mancasse una riorganizzazione e un incremento delle corse dei mezzi pubblici - commenta il Presidente del Codacons, Marco Donzelli - i primi a pagare sarebbero i consumatori e i lavoratori costretti a spostarsi con treni sempre più affollati.   È fondamentale anche incrementare i vagoni delle corse al fine di garantire il rispetto del distanziamento sociale, ancora in vigore”.