1

goz al 1

GOZZANO -22-01-2020 – Un gol abbastanza casuale di Casarini regala tre punti ad un’Alessandria convalescente e getta nello sconforto il Gozzano che ha creato una serie di nitide palle gol vanificate dal peggiore in campo ovvero il suo centroavanti Pozzebon. Esordio amaro per Soda, vincente per Casarini. Il trainer calabrese ha disposto la squadra in modo più guardingo mettendo i muscoli di Gemelli al posto di Rolle per dare più supporto a Guitto. In difesa dato l’addio al capitano Emiliano, che finirà a Messina, confermato l’ex Varese Figliomeni. In attacco dopo che Fedato ha giurato fedeltà ai colori rossoblù, confermato Pozzebon che con la Pistoiese aveva siglato il gol del pari con la Pistoiese. Proprio l’attaccante vanifica tutti gli sforzi dei suoi compagni. Il primo errore al 12’: Fedato serve la punta che perde il tempo per colpire di prima intenzione, poi calcia sul primo palo ed il portiere mette in angolo. Poi però l’Alessandria reagisce. Dopo un reclamo in area per un mani non visto, Arrighini, su bel cross di Eleuteri, colpisce di testa e costringe il giovane Crespi, aiutato anche dalla traversa, ad un intervento prodigioso. Il Gozzano si rende pericolo prima della mezz’ora con una verticalizzazione di Fedato per Pozzebon: il portiere gli si fa incontro e lascia la porta sguarnita, ma la punta sparacchia fuori. Replica  l’Alessandria al 32’, ancora una volta dalla bandierina : da Casarini la sfera perviene ad Eusepi che batte a colpo sicuro da pochi passi ma Tumminelli riesce a respingere quasi sulla linea di porta. Il Gozzano però non molla: a 30’ Gemelli calcia alto da fuori area, poi ci prova Fedato, ma la difesa respinge. Al 42’ la più grossa occasione da gol: Tommaselli scende sulla fascia e dal fondo campo mette in area, ma Pozzebon, solo e a portiere battuto, forse tradito da un rimbalzo del terreno, butta fuori il pallone a non più di due metri dalla linea di porta. Chiuso a reti inviolate il primo tempo, i padroni di casa partono bene nella ripresa e si rendono pericolosi al 52’ con Fedato che calcia alto. Due minuti il gol che decide la gara: Casarini batte una punizione dalla tre quarti campo: il tiro è senza pretese, ma Cosenza entra sul pallone non lo tocca, ma inganna Crespi incerto nell’occasione.  Il Gozzano non ci sta: Tommaselli si beve tutta la difesa grigia, ma poi sparacchia su Valentini in uscita.  Al 70’ ci prova ancora Pozzebon da distanza ravvicinata, ma butta sul fondo sprecando l’ennesima palla gol del suo peggior pomeriggio a Gozzano. La gara poi si spegne progressivamente. Soda non rinuncia al suo bomber dalle polveri bagnati, ma i cambi non sortiscono effetti. Troppo leggeri De Angelis e Spina, troppo lontano dalla porta Bubka.  Nei minuti finali, i padroni di casa si scoprono alla ricerca del pareggio ma i grigi non riescono a capitalizzare alcune buone ripartenze. L’Alessandria riesce a condurre in porto una vittoria di capitale importanza che potrebbe restituire un po’ di tranquillità a tutto l’ambiente. Notte fonda per il Gozzano ora terz’ultimo che dovrà assolutamente evitare di incassare una nuova sconfitta a Gorgonzola con la Giana. Serve un attaccante di peso per curare l’anemia di gol.

GOZZANO – ALESSANDRIA 0-1

Marcatore: 54' Casarini


Gozzano (3-5-2): Crespi 5.5; Rizzo 6, Uggè 5.5, Figliomeni 6; Tumminelli 6, Palazzolo 5.5 (87' Spina ng), Guitto 5.5 (79' Bukva ng), Gemelli 6 (79' De Angelis 5.5), Tommaselli 7; Fedato 6.5, Pozzebon 4. A disp. Fiory, Rolle, Samba, Salvestroni, Dumancic, Rabuffi, Vono, Secondo, Zucchetti. All. A. Soda: 6


Alessandria (3-5-2): Valentini 6; Dossena 6, Cosenza 6, Prestia 6; Eleuteri 6, Casarini 6.5 (85' Castellano ng), Gazzi 5.5 (63' Suljic 5.5), Di Quinzio 6 (76' Chiarello 6), Celia 5.5; Eusepi 5.5, Arrighini 6 (85' Sartore ng). A disp. Crisanto, Sciacca, Gilli, Gerace, Gjura, Pandolfi, M’Hamsi. All. M. Martini: 6


Arbitro: Francesco Carrione di Castellammare di Stabia (Perrelli-Pragliola): 6.

Maurizio Robberto

 

goz_al_5.jpeggoz_al_4.jpeggoz_al_2.jpeggoz_al_3.jpeg