1

borgo flash mob violenza

BORGOMANERO - 08-11-2019 - C'erano tutti a presentare il flash mob che si terrà lunedì 25 novembre nella giornata contro la violenza sulle donne. Nell'ultimo anno Comune e Associazioni hanno fatto tanto per dare di Borgomanero una Città della non violenza. Gli appuntamenti saranno alle 12 in piazza Martiri e per i quattro corsi dove le atlete delle scuole di danza e società sportive, insieme ai ragazzi delle scuole e a chi vorrà partecipare, balleranno per dire stop a ogni forma di violenza. Alle 20.30 al teatro Rosmini, invece,  uno spettacolo a offerta libera il cui ricavato sarà devoluto al progetto Pro Benin nel quale si insegna alle donne vittima di violenza un mestiere per diventare indipendenti.

L'incontro è stato coordinato dall'assessore alle pari opportunità Annalisa Beccaria con i preziosi interventi di Marino Leonardi, il papà del giovane cureggese ucciso dal suo migliore amico e Betty Balzano, presidente dell'associazione Stop Solitudine. "il mondo virtuale rende tutto piatto, danneggia - ha detto Leonardi - ditevi ti voglio bene ". "Se volete potete cambiare le cose - ha inoltre detto Balzano - i giovani spesso non sanno comunicare e il loro malessere si esprime con la violenza".

Al progetto "Educare alle emozioni", iniziato l'anno scorso all'Itis, hanno aderito tutte le scuole superiori e le medie inferiori Gobetti. Lo scopo è quello di stimolare i ragazzi a gestire le proprie emozioni, stimolare i loro sentimenti.