1

frutteto nebbiuno

ARONESE -21-08-2019 - Coldiretti Novara Vco ha reso noto che il maltempo che ieri sera ha colpito il Cusio,  l'Alto Vergante fino al Lago d’Orta, ha creato molti danni anche alle aziende agricole.  "Ci arrivano segnalazioni dei danni più ingenti soprattutto da aziende nella zona di Nebbiuno, dove la tromba d’aria ha sradicato e spezzato centinaia di piante di mele cariche di frutti pronti per la raccolta, con interi filari abbattuti. I frutti rimasti sulle piante ancora in piedi sono stati danneggiati dalla grandine. Gli agricoltori in queste ore stanno cercando di risollevare le piante non spezzate nella speranza di salvare almeno l’albero, dato che gran parte del raccolto per questa stagione è ormai da considerarsi perso”, spiega Sara Baudo, presidente di Coldiretti Novara - Vco. “Altre aziende della zona ci segnalano danni alle strutture, tetti sollevati e serre scoperchiate con le piante in vaso ospitate nelle serre buttate a terra. Vento e grandine hanno abbattuto anche alcuni campi con colture foraggere. Pochi giorni fa Coldiretti ha diffuso i numeri di questa estate di tempo pazzo: in Italia si sono verificati in questi mesi più di 700 nubifragi, tempeste, trombe d’aria e grandinate, il doppio rispetto alla scorsa estate. Eventi estremi che stanno danneggiando sempre di più gli agricoltori, distruggendo non solo il raccolto della stagione e quindi un intero anno di lavoro, ma arrecando anche danni più profondi alle strutture delle aziende, rischiando alla lunga di metterle in crisi”, ricorda Baudo.

Nella foto un frutteto abbattuto dal maltempo a Nebbiuno