1

25 aprile 2017

BORGOMANERO -16-04-2018 - E' stato reso

noto il programma di eventi organizzati dalla collaborazione tra i comuni di Borgomanero, Cureggio e Maggiora, insieme all’A.N.P.I., al Gruppo Alpino cittadino e alle Associazioni d’Arma  per le manifestazioni in occasione del 73° anniversario della Liberazione, in programma martedì 24 e mercoledì 25 aprile-Si inizierà martedì 24 aprile, alle 10 al Cippo del Bergallo a Cureggio dove si svolgerà l' omaggio ai Caduti a cura dei rappresentanti del Comune e dei ragazzi della Scuola Primaria. Alle 10.45 a Maggiora in piazza Caduti, alzabandiera e omaggio floreale al Cippo della Resistenza a cura dell’Ana di Maggiora, con la presenza dei bambini della Scuola Primaria. Nella sala polivalente di via Rossini a Cureggio, alle 21, Giovanni Cerutti e Paolo Cattaneo, rispettivamente direttore e presidente dell’ISNR “Piero Fornara” di Novara, terranno una conferenza sul contributo dei militari italiani alla lotta di Liberazione. Il coro “Alpe Pianello” chiuderà la serata.  Mercoledì  25 aprile, invece, questo il programma: alle 9 al cippo del Bergallo a Cureggio, omaggio musicale ai Caduti  e presentazione dell’identità del partigiano “Amore” alla presenza delle delegazioni di Cureggio e Maggiora. Alle 9.45  a Palazzo Tornielli a Borgomanero, ritrovo al quale  seguirà alle 10 in Collegiata la Messa in ricordo dei Caduti. Alle 10.45 in piazza Martiri  le delegazioni dei tre comuni patrocinanti la manifestazione, si ritroveranno per formare un corteo, accompagnato dalla banda musicale “La Cavagliese”, che raggiungerà il parco della Resistenza. Dopo la deposizione di una corona d’alloro al monumento, seguirà il saluto dei Sindaci di Borgomanero, Cureggio e Maggiora. Sarà poi la volta  degli alunni dell’Istituto Secondario di Primo Grado “P. Gobetti” che leggeranno alcuni brani significativi inerenti al periodo della Resistenza;  a loro si affiancheranno i ragazzi delle scuole primarie della Direzione Didattica con pensieri e riflessioni. L’orazione ufficiale sarà tenuta da Matilde Zanni, presidente dell’Associazione 21 marzo di Verbania.